Perché l’acqua della regione non si disperda tra le condutture

a cura di Marketing (0 commenti)

Le condutture dell’acqua potabile del Canton Giura sono in parte malridotte. Nel percorso dalla cisterna al rubinetto, per tale ragione viene perso circa il 50% dell’acqua potabile. Ora un Comune del Canton Giura sta affrontando con successo il problema, potendo contare su un valido compagno a livello nazionale.

Porrentruy custodisce le sue condotte dell’acqua come il suo fiore all’occhiello – neanche una goccia di acqua potabile può andare persa. Con le sonde di sorveglianza appena installate nei pozzi d’acqua sotto la cittadina del Canton Giura le autorità ora possono controllare il rumore, la pressione e il consumo delle condutture idriche.

La sorveglianza sistematica delle condutture idriche di questo comune era necessaria, tanto più che le condizioni dell’infrastruttura di rete erano peggiorate rapidamente fino al 2008. I responsabili dovevano riscontrare continuamente perdite nelle condotte. «La situazione era veramente difficile. All’epoca andava perso quasi il 50 per cento dell’acqua potabile. Erano condizioni insostenibili», dichiara Gabriel Voirol, consigliere comunale del PRL, a “Schweiz Aktuell”.

Approvare leggi contro le perdite idriche

Il lento decadimento obbligò Porrentruy ad agire – con successo: dopo l’installazione del nuovo sistema di sorveglianza, in sei anni il comune del Canton Giura è riuscito a ridurre le perdite idriche dal 48% al 12%.

Eppure non tutti i comuni del Canton Giura hanno percorso la stessa strada di Porrentruy; così, per esempio, la perdita idrica nella zona di Delemont secondo “Schweiz Aktuell” ammonta al 33%. In Ajoie persino al 50%. Sul fronte politico è bastato approvare una nuova legge che obbliga i comuni del Canton Giura a fissare il prezzo dell’acqua ad un livello tale da poter risanare autonomamente le condutture idriche con le proprie risorse. Questa legge è entrata in vigore lo scorso febbraio.

Anche altre regioni della Svizzera combattono con successo contro la perdita di acqua potabile – primo tra tutti il Canton Basilea Campagna. Se nel 2012 nella regione è andato perso fino al 20% dell’acqua potabile, l’anno scorso il cantone è riuscito ad arginare la perdita al 13,4%.

Coira punta sulla sorveglianza online

Lo scorso anno la città di Coira ha registrato una perdita di acqua potabile del 13,1%. «Non si tratta solo di perdite di tenuta, ma anche di consumi inadeguati come ad esempio acqua per gli idranti o differenze di misurazione dovute a differenze temporali nelle letture dei contatori», afferma Marco Gabathuler, dirigente del gestore elettrico responsabile IBC Energie Wasser Chur. Pertanto la perdita di tenuta vera e propria sarebbe compresa tra il cinque e il dieci per cento.

Gabathuler interpreta questo valore come un successo. In fin dei conti la media nazionale si attesta al 14%. Il dirigente rivela subito anche la ricetta del successo nella città del Canton Grigioni: «Abbiamo una sorveglianza online estesa che segnala subito le perdite e consente così un rapido intervento di riparazione. Questo si ripercuote positivamente anche sui volumi dispersi», afferma Gabathuler.

Zurigo ha una perdita d’acqua praticamente nulla

Le ridotte perdite idriche sarebbero tanto più soddisfacenti perché l’infrastruttura di rete di Coira ha un’età media elevata. L’età delle condutture idriche tuttavia non è data a sapersi. Per quello che riguarda le condotte dell’acqua potabile, la Società Svizzera dell’Industria del Gas e delle Acque SSIGA ipotizza una durata di utilizzo di 50-80 anni.

La società di fornitura idrica del Canton Grigioni non intende però dormire sugli allori. Anzi, fino al due percento all’anno verrà investito nell’infrastruttura di rete della città. Per l’anno in corso, secondo Gabathuler, circa cinque milioni di franchi sono stati destinati al risanamento. In tutta la Svizzera gli investimenti nell’infrastruttura idrica ammontano a circa 880 milioni di franchi.

Mentre la città di Berna ha registrato una perdita di acqua potabile del 10% lo scorso anno, la città di Zurigo, secondo i suoi stessi dati, è leader nell’arginamento della perdita idrica. Nel 2014 Zurigo ha perso nel complesso il 4,9 per cento della sua acqua, mentre l’anno scorso ha raggiunto un valore del 4,7 per cento.

Le centrali idriche di Zurigo attribuiscono i valori di picco ad un controllo intensivo delle condutture idriche e alla manutenzione continuativa delle tubature. Inoltre la città di Zurigo ha investito risorse finanziarie sostanziali nella manutenzione della rete. In definitiva, nella metropoli economica all’incirca 23 milioni di franchi sono stati investiti nel risanamento e nel rinnovo degli impianti di rete.

SRF, Perché l’acqua della regione non si disperda tra le condutture: https://www.srf.ch/news/schweiz/damit-das-gemeinde-wasser-nicht-zwischen-den-leitungen-versickert consultazione il 25.06.2019.

Torna indietro