In Europa l'acqua scarseggia

a cura di Marketing (0 commenti)

  • In tutto il mondo sono 17 i Paesi, tra cui l'India, ad essere colpiti da "altissimo stress idrico": si tratta di Paesi che stanno orami consumando quasi tutte le riserve idriche a loro disposizione.
  • È quanto emerge dall'Atlante del rischio idrico stilato dal World Resource Institute (WRI), nel quale i ricercatori mettono in guardia da difficoltà sempre maggiori, soprattutto nelle metropoli.
  • Anche in Germania alcune regioni soffrono di elevato stress idrico, il che significa che la corsa allo sfruttamento delle risorse diventerà sempre più agguerrita.

Un quarto degli esseri umani vive in Paesi minacciati da una fortissima carenza idrica. Questo rivela l'Atlante del rischio idrico stilato dal World Resources Institut (WRI) e presentato martedì a Washington.

Secondo i ricercatori, già oggi 17 Paesi soffrono di "altissimo stress idrico". Sono i Paesi che consumano oltre l'80% delle disponibilità idriche annue (acque di falda e di superficie), ricavandole da mari e fiumi. Ne deriva una corsa sempre più agguerrita allo sfruttamento delle risorse, in particolare tra agricoltura e privati. Dodici di questi Paesi si trovano nel Vicino e Medio Oriente, tra questi l'Iran, il Pakistan e Israele. Qui la scarsità d'acqua potrebbe acuire le già esistenti tensioni politiche.

Anche la Germania è colpita in maniera crescente

In Europa l'acqua scarseggia sempre più. Stando ai dati del WRI sette stati dell'UE, tra cui Spagna, Italia e Belgio, soffrirebbero di elevato stress idrico. Anche molte regioni tedesche, come l'Assia e il Brandeburgo, rientrano in questa categoria. "Con il caldo estivo abbiamo visto come l'acqua anche da noi possa diventare un bene estremamente prezioso", ha affermato del centro di analisi degli ecosistemi acquatici presso l'Helmholtz-Zentrum für Umweltforschung (UFZ) (Istituto di ricerca ambientale tedesco). Stando a Borchardt l'acqua non sarebbe tanto scarsa per i consumatori, "quanto per i boschi, i campi, la navigazione, il raffreddamento delle centrali e molte altre realtà."

Anche il secondo Paese al mondo per popolazione, l'India, rientra nel gruppo di stati colpiti da "altissimo stress idrico". A giugno nella metropoli di Chennai è scoppiata una crisi idrica, dopo che tutti i serbatoi della città si erano quasi prosciugati. Le grandi città sono più soggette agli shock idrici, a causa della crescita della popolazione legata al maggiore consumo di acqua, soprattutto quando la pioggia fa sentire la sua mancanza per lunghi periodi. Tuttavia i problemi sono da imputare per lo più a una cattiva gestione e pianificazione delle risorse. A causa del cattivo approvvigionamento, gli abitanti di Giakarta devono procurarsi l'acqua autonomamente, scavando pozzi, ma facendo così scendere anche il livello della falda freatica. La città rischia perciò di sprofondare nel mare.

I cambiamenti climatici potrebbero acuire molte tendenze già negative. Se l'acqua continuerà ad essere gestita come fatto finora e i modelli climatici si dimostreranno corretti, la Banca Mondiale rivela in un suo studio che "la scarsità idrica si diffonderà nelle regioni dove attualmente non esiste, mentre nelle regioni dove già esiste, peggiorerà drasticamente".

Sueddeutsche, In Europa l'acqua scarseggia: https://www.sueddeutsche.de/wissen/wasserstress-atlas-wasserknappheit-1.4555268, consultazione il 6.8.2019.

Torna indietro