La Spagna sta finendo l'acqua, anche a causa dell'avarizia tedesca

a cura di Marketing (0 commenti)

In Spagna c'è sempre meno acqua freatica utilizzabile. Ciò è dovuto anche al fatto che i consumatori tedeschi preferiscono carne, verdura e frutta provenienti dalla Spagna ai più costosi prodotti locali.

Bild:  imago images
Immagine: imago images

L'Andalusia è il luogo in cui i contrasti si uniscono: Industria pesante al porto, agricoltura intensiva accanto a un parco naturale e spiagge da sogno. Ora l'acqua del fiume più lungo del Paese, il Tago, deve essere portata a Huelva perché il Segura (nella foto) è inquinato.

In Germania, le convinzioni e la realtà spesso divergono sullo scaffale del supermercato, come sostiene Markus Schneider, responsabile della media impresa renana di distribuzione di frutta Frutania: "Da un lato, i consumatori dichiarano nei sondaggi di preferire i prodotti biologici locali e di essere disposti a pagare di più per essi, ma quando poi si trovano di fronte a lamponi e fragole a basso prezzo provenienti dalla Spagna, preferiscono prenderli lì". Soprattutto nella provincia spagnola di Huelva, questo ha un impatto concreto: Le acque sotterranee utilizzabili sono sempre meno.

Il 95% della produzione spagnola di bacche proviene dalla provincia, che soffre di estrema siccità. Lì, in Andalusia, tutti i contrasti si uniscono: Industria pesante al porto, agricoltura intensiva accanto a un parco naturale e spiagge da sogno.

Ora l'acqua del fiume più lungo del Paese, il Tago, verrà portata a Huelva, dove il fiume Segura, fortemente inquinato dall'industria pesante, non può più essere utilizzato come fonte.

Bild:  imago images
Immagine: imago images

Estese raffinerie nel porto di Huelva, in Spagna. Molte navi con petrolio fanno scalo qui.

Una disputa politica sull'acqua infuria da molti anni. Le migliaia di lavoratori del raccolto di Huelva, che ogni anno vengono portati dall'Africa, vagano disorientati per i villaggi, vivendo a volte in stalle o capanne e non sono integrati nella società andalusa ancora tradizionale. Anche i media tedeschi hanno più volte sottolineato le condizioni di lavoro, talvolta disumane.

L'UE, che sta fornendo quasi 20 miliardi di euro di aiuti agricoli alla Spagna dal 2023 al 2027, ha sanzionato più volte in passato i vari governi spagnoli per la loro gestione lassista delle acque sotterranee. Sono già state pagate multe per 60 milioni di euro. Greenpeace stima che solo il 60% circa delle acque sotterranee spagnole possa essere ancora utilizzato a causa della subsidenza e dell'inquinamento.

WirtschaftsWoche pubblicato su 19.03.2023

Torna indietro