L'Italia chiede l'acqua dai bacini svizzeri

a cura di Michel Scherer (0 commenti)

In alcune regioni del Nord Italia non piove praticamente da mesi. Il fiume Po è quasi prosciugato. Gli agricoltori italiani temono per il loro raccolto. Ora la Svizzera dovrebbe aiutare.

La Pianura Padana ha sete d'acqua. A causa della siccità in corso nell'Italia settentrionale, il livello del fiume Po è il più basso degli ultimi 70 anni, riferisce la televisione SRF. Questo ha conseguenze di vasta portata per l'agricoltura: la carenza d'acqua sta diventando un problema per i raccolti nelle regioni di Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna. Perché l'acqua del fiume è necessaria per i campi.

Il Parma chiede aiuto

A Parma, l'autorità che controlla l'intero bacino fluviale sta cercando soluzioni di emergenza. Il suo segretario generale Meuccio Berselli si appella alla Svizzera nel servizio televisivo: "Chiediamo agli amici svizzeri di sostenere il livello del Lago Maggiore. Questo dovrebbe avvenire attraverso i bacini idrici delle Alpi".

Ma anche i laghi ticinesi, il Lago di Lugano e il Lago Maggiore, hanno livelli d'acqua bassi. Ed è difficile riempirli con l'acqua dei serbatoi ticinesi, perché sono pieni solo al 30 per cento, come dice Gaudenz Flury di SRF-Meteo.

Nessun miglioramento

I brevi temporali dei prossimi giorni non possono alleviare la situazione e per i prossimi mesi si prospetta una siccità elevata o addirittura molto elevata, afferma Flury.

 

blick.ch, pubblicato su 22.06.2022

Torna indietro